Acacia Resort hotel cefalù

From the blog

Benvenuti a Palermo

“Palermo è il posto più stupendo del mondo… Quì… è la chiave di ogni cosa”

Goethe, 1787

Palermo è adagiata nella Conca d’Oro dal 734 a. C., anno in cui venne fondata dai Fenici, che la scelsero per la sua posizione strategica tra l’Oriente e l’Occidente. Furono i Greci, però, che le diedero il nome attuale (da “pan”, che significa “tutto” e “ormos” che significa “porto”), perchè il punto d’incontro dei due fiumi che l’attraversavano formava un enorme approdo naturale.

 

Proprio per la sua posizione ineguagliabile, la città è stata, nel corso dei secoli, preda ambita di invasori stranieri: i Romani, gli Arabi, i Normanni e poi gli Svevi, gli Arabi, i Normanni, e poi gli Svevi, gli Angioini, gli Aragonesi e i Borboni. Ma il periodo di massimo splendore, Palermo lo conobbe durante la dominazione araba e normanna, dal IX al XIII secolo: la matrice straordinaria di quel periodo si esprime in uno stile unico al monso, che vi ammalierà tanto quanto lo sfarzo e l’eccesso del barocco palermitano, quasi una contraddizione quando si staglia sullo sfondo di scenari più popolari e pittoreschi, anche questi tratti molto caratteristici della città.

 

L’essenza del capoluogo siciliano, quindi, la sua più vera ricchezza sta proprio in questa stratificazione di culture e popoli diversi; ciascuno ha lasciato la sua impronta, nella forma e nello spirito di Palermo, che oggi più che mai appare in tutta la sua poliedricità di sfaccettature, complesso intreccio di contraddizioni e speranze, di vecchio e nuovo, di ritmi e sfumature orientali profondamente radicati in un contesto che si volge al “continente”.

 

Palermo è una città che dà emozioni molto forti, in un coinvolgimento totale dei sensi: per quello che si vede, per la “colonna sonora” che accompagna chi gira per le stradee i vincoli, sopratutto nei pressi dei mercati storici, per i suoi mille profumi, intensi e quasi stordenti e per il suo cibo, forte e antico, quasi sfacciato nella sua ricchezza di gusti e sapori e nel suo essere consumato un pò ovunque.

 

La sua storia millenaria vi ammalierà, vi sedurrà, come il canto antico delle Sirene; quando ammirate una rovina punica, uscendo magari da un castello fiabesco; o quando vi trovate di fronte, come emerse dla nulla, alcune delle più suggestive espressioni del Liberty italiano. Arte e cultura, bellezza arcana e mistero, Palermo è un pò tutto questo. E anche qualcosa di più

Salva

Salva

Salva

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *